Home » NOTIZIE MEDICHE » Il sonno disturbato si associa a una minore tolleranza al dolore ed impulsività

Il sonno disturbato si associa a una minore tolleranza al dolore ed impulsività

Il sonno disturbato si associa a una minore tolleranza al dolore ed impulsività - Dr. Vanni VERONESI

AUSTIN, Texas - Le persone sane esposte ad interruzioni del sonno, simili a quelle comunemente sperimentate nel dolore cronico, mostrano una diminuzione significativa della tolleranza al dolore e una maggiore impulsività, ciò sottolinea l'importanza del ruolo del sonno nel dolore cronico, come la nuova ricerca suggerisce.

"Dobbiamo essere cauti nel trarre conclusioni cliniche da questi risultati perché lo studio è stato condotto su un campione sano con una sola notte di privazione del sonno, tuttavia, in generale i risultati ampiamente supportano l'idea che la perdita di sonno aumenti la sensibilità al dolore" ha detto a Medscape Medical News il primo autore Emelie L. Modalen, del Dipartimento di psichiatria e scienze comportamentali presso la Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, nel Maryland.

I risultati sono stati presentati alla 35a riunione scientifica annuale dell'American Pain Society.

Lo studio ha coinvolto [...]

[...] 35 individui sani senza disturbi del sonno che sono stati assegnati in modo casuale a 8 ore di sonno ininterrotto o ad una notte di risvegli forzati, con 7 risvegli di 20 minuti e un risveglio di 60 minuti durante le 8 ore di tentato sonno.

I partecipanti avevano un'età media di 28 anni e sono stati equamente divisi per sesso.

Tutti i partecipanti hanno completato il giorno successivo una prova del freddo, che consiste nell'immergere la mano in un bagno di acqua fredda (4° C), togliendola quando il dolore diventava insopportabile, o  tenendovela fino a un massimo di 5 minuti.

I partecipanti hanno compilato la Pain Catastrophizing Scale in 13 punti, segnalando soggettivamente su una scala di 5 valori l’impotenza, l’ingigantimento e la ruminazione.

Nella progettazione dello studio crossover, i partecipanti hanno poi ripetuto il test, dopo un minimo di 2 settimane, ma con la condizione di sonno opposta e sono stati sottoposti nuovamente alla prova delle mani nell’acqua fredda.

I partecipanti hanno mostrato una significativa riduzione del tempo di tolleranza del bagno di acqua fredda dopo una notte di risvegli forzati (29.27 ± 2.66) rispetto a una notte di sonno ininterrotto (45.85 ± 10.14; p <0.05).

La notte di risvegli forzati è stata associata ad un lieve aumento nell’intollerenza al dolore (11.4 ± 2.21) rispetto al sonno ininterrotto (10.9 ± 2.0); tuttavia, la differenza non era statisticamente significativa (P = 0.56).

"La risultanza nulla sull’intolleranza può essere derivare dalla poca sensibilità della misurazione in soggetti sani senza alcuna esperienza precedente di dolore cronico", ha precisato il dr. Modalen.

"Inoltre, i nostri soggetti erano stati rigorosamente selezionati perché non presentassero sintomi psicopatologici, tra cui l'ansia." Si potrebbero ottenere risultati diversi in un campione di pazienti con dolore cronico, ha anche osservato.

Questa ricerca è parte di una più ampia, in corso presso l’università Johns Hopkins, che utilizza il modello del sonno interrotto, che è stato segnalato l'anno scorso in uno studio sulla rivista Sleep (http://www.journalsleep.org/ViewAbstract.aspx?pid=30292) per avere un effetto più negativo sull'umore positivo rispetto alla perdita parziale di sonno.

Un'altra analisi del gruppo di ricerca, presentata in occasione della riunione dell’American Pain Society dello scorso anno, ha mostrato che le persone sottoposte a sonno interrotto non presentano, dopo l'esposizione a stimoli positivi (immagini), risposte ridotte al dolore che si sono invece manifestate dopo il sonno normale. Curiosamente, non si sono registrate differenze nelle risposte alle immagini negative (P <.001), ha dichiarato il dr. Patrick Finan, professore assistente presso il Dipartimento di psichiatria e scienze comportamentali della Johns Hopkins che è stato autore di questo ed altri studi sul sonno interrotto.

"Stiamo osservando un ottundimento dell’esperienza dell’effetto positivo senza l’associato aumento dell’effetto negativo", ha detto il dr. Finan. "Fondamentalmente, il risveglio forzato riduce l'attenzione agli stimoli positivi, senza aumentare quella verso gli stimoli negativi, il che è coerente con quello che la gente ci dice di sentire."

Il dr. Finan ha detto che i ricercatori ipotizzano che l’interruzione della continuità del sonno abbia un effetto sul metabolosmo della dopamina mesolimbica ed il sistema di ricompensa, che potrebbe avere conseguenze drammatiche per le persone con dolore cronico.

"Le persone perdono le riserve emozionali positive, necessarie ogni giorno, di cui hanno bisogno per essere in grado di far fronte agli attacchi di dolore e questo potrebbe causare, potenzialmente, l’insieme dei disturbi che comunemente rileviamo - questa triade di dolore cronico, insonnia e depressione - che può essere supportato dal perturbato metabolismo dopaminergico che regola il sonno."

Altri risultati della ricerca suggeriscono che tale insieme includa anche l’impulsività. Il dr Finan ha precisato che gli stessi pazienti che mostrano deficit nel funzionamento dell’area della positività dopo un sonno interrotto hanno manifestato anche impulsività in una prova con una ricompensa monetaria ritardata, utilizzando denaro reale.

Nella sperimentazione, i partecipanti potevano scegliere tra una maggiore quantità di denaro, ad esempio 80 centesimi, entro un minuto e mezzo, o 20 centesimi immediatamente.

Si è scoperto che i partecipanti avevano significativamente più probabilità di scegliere l'opzione più impulsiva - l'immediata ricompensa di 20 centesimi - dopo una notte di sonno disturbato (P = .001).

Il dr Finan ha detto: "Si potrebbe pensare che se avessero saputo che sarebbero rimasti in laboratorio per tutto il giorno e che avevano un sacco di tempo avrebbero scelto il valore più elevato, cioè la ricompensa ritardata, ma questo non è ciò che è stato osservato. Si vedono differenze reali come conseguenza del risveglio forzato, che si manifesta in questo caso con una maggiore impulsività misurata da un punto di indifferenza inferiore".

Nell’insieme, i risultati sottolineano le sfide che potrebbero essere implicate nel trattamento dei molti pazienti con dolore cronico con disturbi del sonno.

"Si può immaginare di cercare di coinvolgere i pazienti in un trattamento il cui obiettivo sia aumentare le emozioni positive", ha detto il dottor Finan. "Se il loro sonno è cronicamente interrotto e se sono forse neurobiologicamente compromessi ed incapaci di generare emozioni positive, come invece nella terapia stiamo chiedendo loro di fare, allora non possono che sbattere contro un muro." "Il dolore continuerà a divampare e la gente non avrà le risorse per combatterlo."

Stato d'animo positivo

Mentre numerosi studi hanno esaminato la relazione tra un sonno carente e l'umore negativo, la nuova ricerca considera unicamente lo stato d'animo positivo, ha detto a Medscape Medical News la dottoressa Emily J. Bartley, professore assistente di ricerca presso il Pain Research & Intervention Center of Excellence  del Florida College of Dentistry dell'università di Gainesville.

"Ciò che rende il lavoro del dr. Finan particolarmente insolito è che ha studiato l'impatto dei disturbi del sonno sulle emozioni sia positive che negative," ha detto la dr. Bartley, che ha moderato la sessione.

"Quando si interrompe il sonno di una persona in un modo simile a quanto vissuto nel dolore cronico, ciò porta ad una più consistente riduzione dell’umore positivo (rispetto ad un aumento superiore dell’umore negativo), e la potenzialità delle emozioni positive di ridurre l’impatto del dolore viene soffocata. "

Nel complesso, i risultati suggeriscono che i disturbi del circuito coinvolto nelle emozioni positive potrebbero rappresentare un meccanismo attraverso il quale il sonno promuove e mantiene il dolore, ha aggiunto.

"In altre parole, il sonno disturbato può innescare problemi nella regolazione dell'umore positivo, e la mancata inibizione del dolore attraverso le emozioni positive può aumentare il rischio di sviluppare un dolore cronico."

"Studi come questi potrebbero aumentare la comprensione dei meccanismi che sono alla base del rapporto tra sonno e dolore, che potrebbe portare a trattamenti più raffinati per i pazienti che hanno concomitanti difficoltà nel sonno e dolore ".

La dr. Bartley ha osservato che i risultati, inoltre, offrono indizi per la gestione clinica dei disturbi del sonno in presenza di dolore, come la terapia cognitivo-comportamentale dell'insonnia (CBT-I).

"Questo tipo di trattamento può essere particolarmente importante per le persone con dolore cronico, dato che i disturbi del sonno sono diffusi in questa popolazione." "Visti i risultati associati al lavoro del dr. Finan, può anche essere utile integrare questi trattamenti con approcci volti a migliorare l’umore ed incrementare le emozioni positive." 

vai all'articolo originale: >> Emelie Modalen has disclosed no relevant financial relationships. Dr Finan is a consultant to PainCare LLC.

American Pain Society (APS) 35th Annual Scientific Meeting. Abstract 190. Presented May 13, 2016.

01/10/2016 08:24 pm

SEZIONE FILUM TERMINALE EXTRADURALE

SEZIONE FILUM TERMINALE EXTRADURALE - Dr. Vanni VERONESI

IN ANESTESIA LOCALE

CHIRURGIA VERTEBRALE MININVASIVA PERCUTANEA

CHIRURGIA VERTEBRALE MININVASIVA PERCUTANEA - Dr. Vanni VERONESI

CIFOPLASTICA E VERTEBROPLASTICA IN ANESTESIA GENERALE O LOCALE

Dr. Vanni VERONESI

DISCOLISI (NUCLEOPLASTICA) IN ANESTESIA LOCALE

FUSIONE VERTEBRALE LOMBARE MININVASIVA

FUSIONE VERTEBRALE LOMBARE MININVASIVA - Dr. Vanni VERONESI

IN ANESTESIA GENERALE